Come pulire il marmo bianco ingiallito

Rimedi per il marmo bianco ingiallito: come ripulire la superficie

Vi sono diversi metodi per pulire il marmo bianco ingiallito. In primo luogo vedremo come è possibile ripulire la superficie attraverso metodi casalinghi, e in seguito come avviene un intervento di recupero professionale, realizzato dagli esperti di questo materiale.

Se il vostro marmo bianco appare ingiallito ma le sue condizioni sono comunque buone e volete provare a pulirlo senza chiedere aiuto a del personale specializzato, dovrete procurarvi della pietra pomice e del sapone di Marsiglia. Una delle tecniche basilari per lo sbiancamento e il lavaggio fai da te consiste infatti nel passare la pietra pomice, con accortezza, sull’area sulla quale si vuole intervenire. La pietra pomice riuscirà a rimuovere parte dello sporco che si è accumulato sul vostro marmo bianco. Dopo averla utilizzata è bene procedere a un lavaggio con una soluzione semplice composta di acqua e sapone di Marsiglia.

Se avete già tentato di ripulire il marmo ingiallito con la pietra pomice e il risultato non è stato del tutto soddisfacente, il consiglio è quello di rivolgersi al personale specializzato. L’intervento degli esperti, infatti, è molto più profondo e completo di quello che si può realizzare da soli, e si basa su una tecnica complessa in cui si adoperano prodotti e strumenti professionali.

Per riportare il marmo bianco al suo splendore originario, infatti, le ditte che si occupano del trattamento della superficie procedono a quella che viene definita l’arrotatura del marmo. In questa operazione vengono montate delle pietre dalla grana dapprima dura, e poi sempre più fine, che vengono montante in una levigatrice con la quale si asporta uno sottile strato superficiale. In questo modo vengono rimosse tutte le tracce di sporco, nonché i graffi e le macchie altrimenti indelebili che si trovano sul materiale. La procedura comprende anche l’uso di resine e stucchi per il livellamento perfetto della superficie, seguito dalla piombatura del marmo, ovvero da una lucidatura professionale in cui, applicando acido ossalico e surriscaldandolo con una lucidatrice con dischi in pelo di cinghiale, si fissa in modo definitivo il lucido sul pavimento.

Lascia un commento