Come scegliere il parquet per la propria abitazione

Consigli sul parquet da scegliere per la propria casa

Come scegliere il parquet giusto per la propria abitazione? Una domanda fondamentale per chi desidera un pavimento in legno per la propria casa. Per iniziare è bene prendere familiarità con alcuni termini fondamentali.

I parquet sono classificati per aspetto in parquet massicci (o tradizionali), che possono essere con o senza incastro, in parquet prefiniti multistrato, e in laminati (che in realtà, a parte un sottilissimo strato di legno, sono composti di altri materiali). I parquet sono inoltre distinti per qualità in due classi: rigatino, la classe più pregiata, comprendente legno a fibra dritta e fine e di colore uniforme, e il nodino, cioè un’essenza dritta o piatta dal tono non del tutto uniforme per via della presenza di piccoli nodini nel legno.

Al momento della scelta del parquet per la propria casa occorre tenere a mente che il legno, per via dell’esposizione alla luce col tempo cambia leggermente colore, divenendo in molti casi più scuro, in altri più chiaro (come per il teak).

È molto importante considerare il livello di luminosità dell’ambiente in cui si vuole installare il parquet: dove la luminosità è scarsa è consigliabile utilizzare dei legni di colore chiaro. Bisogna inoltre fare attenzione nel caso si voglia realizzare un impianto di riscaldamento a pavimento: in questo caso gli esperti consigliano l’utilizzo di legno prefinito, in quanto più stabile e adatto.

Se si vuole optare per dei legni rossi, è bene ricordare che il merbau tende a mutare con l’esposizione alla luce, e che il Doussiè Africa è invece adatto a pavimenti riscaldati; tra i legni di colore chiaro bisogna tenere presente che l’acero ha un livello di ossidazione basso, e che il faggio e il rovere non vanno utilizzati con sistemi di riscaldamento a pannelli; tra i legni scuri ricordiamo che il wengé-Panga non muta con l’esposizione alla luce; tra i legni considerati bruni, precisiamo infine che l’iroko è adatto a rivestire bagni e cucine e che il teak, molto resistente, con la luce e col tempo tende a schiarire.

Lascia un commento