Pulizia marmo, metodi e trattamenti

Come eseguire la pulizia del marmo: consigli su metodi e trattamenti

I metodi e i trattamenti per la pulizia del marmo variano a seconda che si voglia ottenere un risultato professionale o una pulizia casalinga “ordinaria”. Per quanto riguarda la pulizia che si può eseguire in prima persona, ecco alcuni consigli utili.

Anzitutto è bene sottolineare che bisognerebbe evitare di esagerare con i lavaggi del marmo, ed è anche per questo che rimuovere semplicemente la polvere con un panno asciutto – magari uno di quelli cattura-polvere oggi reperibili in ogni supermercato – è la prima mossa da compiere per ripulirne la superfice e mantenerla linda. Per il vero e proprio lavaggio del materiale ci si deve orientare sempre su detergenti neutri, non per forza dei prodotti specifici per il materiale: l’importante è che siano neutri. Si faccia attenzione, inoltre, poiché i prodotti acidi non vanno mai utilizzati sul marmo in quanto rischiano di creare delle macchie indelebili, che possono essere rimosse solo con una nuova arrotatura del pavimento.

In ogni caso occorre cercare di non far evaporare l’acqua con cui si pulisce il materiale, poiché i sali minerali, col passare del tempo, potrebbero creare degli aloni. Per evitare tutto questo basta ricordarsi di passare sempre un panno asciutto sulla superfice dopo il lavaggio.

Il metodo di pulizia del marmo con acqua e alcol, benché piuttosto diffuso, è in realtà poco efficace: l’alcol si volatilizza rapidamente, pertanto spesso ne rimangono poche tracce una volta giunti alle ultime fasi del lavaggio. Al trattamento del marmo con acqua e alcol è da preferirsi un trattamento con detergente neutro, o finanche con acqua e basta, dato che a conti fatti la differenza non è molta.

Per chi invece fosse interessato a un intervento professionale di pulizia del marmo ricordiamo che i trattamenti sono principalmente due: l’arrotatura (l’intervento più profondo, che dà i risultati migliori) e la semi arrotatura (un intervento leggermente più semplice, dai costi più contenuti).

Lascia un commento